Rosario Di Rosa

composizione, pianoforte jazz

Pianista e compositore siciliano, inizia gli studi musicali da autodidatta all’età di sedici anni,
dopo trascorsi dedicati al disegno e alla pittura. Intraprende lo studio del pianoforte jazz presso
il “Brass Group”, sotto la guida del pianista e compositore palermitano Mauro Schiavone. Successivamente studia privatamente con Salvatore Bonafede, uno dei musicisti più importanti del panorama jazzistico nazionale. Esordisce professionalmente al fianco del trombettista
Vito Giordano, che lo inserisce stabilmente nei gruppi da questi diretti e con cui ha la possibilità
di effettuare i primi concerti nei club e Festival della Sicilia.

Ha partecipato a diverse clinics e master class, come quelle di Siena Jazz, Nuoro in Jazz,
Marsala Jazz, dirette da grandi musicisti quali John Taylor, Ralph Towner, Elvin Jones, Enrico Rava, Joshua Redman, James Carter, Stefano Battaglia, Franco D’Andrea, Enrico Pieranunzi, Bruno Tommaso, Massimo Moriconi e Marc Ducret.

Nel 1999 prende parte alla rassegna “Nuoro in Jazz”, sotto la guida del pianista Roberto Cipelli, dove consegue la borsa di studio come miglior pianista “…per la squisita sensibilità musicale e per la maturità espressiva a livello strumentale…” (Roberto Cipelli).

Nel 2001 collabora con la Open Jazz Orchestra diretta dal batterista-percussionista palermitano Mimmo Cafiero, con la quale effettua un tour italiano in vari jazz Festival, affrontando un repertorio di composizioni tradizionali siciliane e non, arrangiate in chiave jazzistica.

Nel 2003, dopo avere conseguito la laurea in Architettura presso l’Università degli studi di Palermo, si trasferisce a Milano entrando in contatto con i jazzisti milanesi più rappresentativi come Franco D’Andrea, Attilio Zanchi , Antonio Zambrini, Tito Mangialajo, Ferdinando Faraò.
A Milano conosce il flautista Carlo Nicita, anch’egli siciliano trasferitosi nel capoluogo lombardo, col quale intraprende una proficua e intensa collaborazione. Il duo Nicita-Di Rosa ottiene

il 2° posto al concorso milanese “Jazz Dimensione Giovani” nel dicembre 2003 esibendosi
al Blue Note di Milano. A seguito di questa esperienza registra il disco d’esordio composto da brani interamente originali intitolato Voices ed edito dalla Splas(h) Record, con Carlo Nicita ai flauti e col trombettista Giovanni Falzone ospite in alcuni brani.

Nel 2006 forma un sestetto codiretto assieme a Carlo Nicita e comprendente alcuni tra i musicisti più rappresentativi della moderna scena jazzistica nazionale come Giovanni Falzone, Carmelo Coglitore, Yuri Goloubev e Cristian Calcagnile. Con questa formazione registra il disco Unquiet Serenade che inaugura il sodalizio con la prestigiosa etichetta Abeat Records. “Unquiet Serenade” rientra tra i migliori dischi dell’anno nel Top Jazz indetto dalla rivista Musica Jazz e viene acclamato anche dalla critica estera, tra cui il grande critico francese di fama internazionale Thierry Quénum che lo recensisce come disco del mese per la prestigiosa rivista Jazz Magazine.

Nello stesso anno, Rosario Di Rosa viene è selezionato tra 50 giovani pianisti in tutto il mondo per partecipare al prestigioso “Concorso Internazionale di Piano Jazz Martial Solal” a Parigi.

Nel 2008 forma il suo primo trio stabile col contrabbassista Paolo Dassi e il batterista americano Jimmy Weinstein con i quali realizza Freedom: Improvised Suites For A Trio, un lavoro incentrato totalmente sulla libera improvvisazione estemporanea a partire dai più famosi standard del songbook americano.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (L.675/96)

Nel 2010 registra il disco formato interamente da composizioni originali Cabaret Voltaire in trio con Paolo Dassi e Riccardo Tosi, subentrato nel frattempo a Weinstein. Il disco verrà presentato dal vivo e in diretta su Radio Rai 3 e rientrerà tra i 100 migliori dischi dell’anno sia nazionali che internazionali nella classifica stilata dalla rivista Jazzit. Nello stesso anno rientra nelle categorie “miglior nuovo talento”, “miglior compositore dell’anno” e “miglior disco dell’anno” nel referendum di Musica Jazz.

Nel 2011 fonda il gruppo Rosario Di Rosa & Contemporary Kitchen, un quintetto che accoglie, oltre a Dassi e Tosi già componenti del trio, il sassofonista Piero Bittolo Bon e l’organista Alberto Gurrisi. Il gruppo entra in studio alla fine dello stesso anno per registrare YAWP!!!, una lunga suite originale senza soluzione di continuità che racconta il fenomeno dell’emigrazione attraverso un verso del grande poeta americano Walt Whitman. Il disco, che annovera la presenza di due prestigiose special guest come Le Sorelle Marinetti e il polistrumentista Paolo Botti,

verrà pubblicato in aprile 2012 per Abeat records e presentato al Blue Note di Milano.

Nel 2014 Rosario Di Rosa firma un contratto discografico in esclusiva con la Nau Records di Gianni Barone, etichetta rivolta al jazz più contemporaneo e d’avanguardia. Per la Nau, il 21 marzo 2015, pubblica il disco in trio Pop Corn Reflections, che accoglie influenze derivanti dalla musica minimalista contemporanea di Steve Reich e dalla musica dodecafonica dei primi del ‘900.

La sua biografia è inclusa nel Dizionario del Jazz Italiano, edito da Feltrinelli, a cura del giornalista e critico musicale Flavio Caprera.

Attualmente, accanto all’attività jazzistica, sta approfondendo lo studio del pianoforte classico con i concertisti M° Leonardo Leonardi e M° Manuela Dalla Fontana.
Studia inoltre composizione e musica elettronica col M° Riccardo Dapelo.

Nel 2015 si laurea col massimo dei voti e la lode in Pianoforte Jazz presso il Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza sotto la guida di Umberto Petrin.

Svolge anche attività didattica come insegnante di pianoforte jazz, teoria e armonia presso il CEMM di Bussero (MI) e Pantigliate (MI) e presso la Scuola Civica di Gorgonzola (MI).

about me

“…é doveroso inserire Di Rosa nel ristretto elenco dei migliori giovani pianisti nazionali, alla pari dei vari Stefano De Bonis, Fabrizio Puglisi, Claudio Filippini, Livio Minafra.”
Enzo Pavoni (Jazz Magazine, Audioreview)

“..Conoscitore della poetica monkiana, Di Rosa tratta il repertorio bop e post-bop con raffinato lin- guaggio contemporaneo…”
Antonio Terzo (Jazzitalia)

“…Musica sapiente, ben costruita con episodi contrappuntistici di interplay jazzistico.”

Franco D’Andrea (musicista)

“…di dischi in giro, buoni o brutti che siano, ce ne sono un numero incommensurabilmente alto! ma di gente che suona bene come voi in giro e ha qualcosa di buono da fare ascoltare ve ne è pochina.” Salvatore Bonafede (musicista)

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (L.675/96)

“…Un pianista vero e genuino che dalla Sicilia si è mosso con coraggio e umiltà verso una direzione differente, contemporanea al proprio presente, e perchè no, direzionata costantemente verso un futuro che è già oggi..”
Gianmichele Taormina (Jazzit, Jazz Convention, La Stampa web)

“..Di Rosa contribuisce ottimamente alla creazione di una musica che unisce libertà, ritmo e narrazione lirica.”
Neri Pollastri (All About Jazz)

“..Une ènergie et un art du melange des timbres ou filtrent aussi bien l’influence digeree du New York downtown actuel que celles de Mingus ou de Fats Waller…”
Thierry Quénum (Jazz Magazine Fr)

“..is an exercise in Latin grooves and loud-soft dynamics with Di Rosa taking a burning piano solo.”

Jerome Wilson (Cadence, USA)

performance with

Paul Jeffrey, Woody Shaw jr., Sorelle Marinetti, Vito Giordano, Mimmo Cafiero, Stefano D’Anna, Giampaolo Casati, Pietro Tonolo, Attilio Zanchi, Giovanni Tommaso, Carlo Nicita, Giovanni Falzone, Paolo Dassi, Riccardo Tosi, Piero Bittolo Bon, Paolo Botti, Alberto Gurrisi, Jimmy Weinstein, Adalberto Ferrari, Tito Mangialajo, Ferdinando Faraò, Francesco Cafiso, Alberto Cavenati, Tommaso Starace, Marco Mistrangelo, Tommy Bradascio, Alberto Fidone, Calogero Marrali, Dino Rubino, Carlo Cattano, Tony Cattano, Alberto Fidone, Giuseppe Tringali, Felice Clemente, Giulio Corini, Stefano Bertoli, Pucci Nicosia, Carmelo Coglitore, Cristian Calcagnile, Yuri Goloubev, Massimo Pintori, Marco Zanoli, Luca Calabrese, Thomas Grimmonprez, Jean-Philippe Morel, Nina the BlackMill, Deasonika, ecc.

performance in Festival / Club / Varie

Teatro Metropolitan (Palermo 1997), Nuoro in Jazz (Nuoro, 2000), Time in Jazz (Berchidda, 2000), Paler- mo di Scena (Palermo, 2001), Castelbuono Jazz Festival (Castelbuono, 2001) Magra Jazz (Castelnuovo Magra, 2001), Associazione Teatrale NO’HMA (Milano, 2003), Blue Note (Milano, 2004),
Break in Jazz (Milano, 2004), Gallarate Jazz Festival (Gallarate, 2005), Conservatoire de Paris (Parigi 2006), Clusone Jazz Festival (Clusone, 2007), Crocevia di Suoni Jazz Festival (Agrate, 2008), Eventi in Jazz (Ca- stellanza, 2008), Cafeteria Jazz Festival (Bergamo 2009), Paprika Jazz Club

(Dalmine 2009), Casa 139 (Milano, 2009), Vittoria Jazz Festival (Vittoria, 2009), Radio Italia (Milano, 2010), Radio Rai 3 (Milano, 2010), Musicamorfosi (Desio, 2010), Premio Fabrizio De Andrè (Roma, 2010), Teatro “V. Colonna” (Vittoria, 2010), Jazz On The Road (Brescia, 2011), Casa Del Popolo (Lodi, 2011), Jazzit Fest (Collescipoli, 2013), Teatro “V. Colonna” (Vittoria, 2015), Ah-Um Jazz Festival (Milano, 2015)

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (L.675/96)

discography

POP CORN REFLECTIONS – Rosario Di Rosa trio, Nau Records, Milano 2015 (Incluso nella Europe Jazz Chart di luglio 2015 come uno dei migliori album europei)

YAWP!!! – Rosario Di Rosa & Contemporary Kitchen special guest Le Sorelle Marinetti e Paolo Botti, Abeat records, Milano 2012 (JAZZIT AWARDS 2012 – 100 Greatest Album / Top Ten Reading Pool JAZZIT)

ABEAT RECORDS STORY – AA.VV Musica Jazz, allegato a Musica Jazz n.3 / 2011 CABARET VOLTAIRE – Rosario Di Rosa trio, Abeat records, Milano 2010

(JAZZIT AWARDS 2010 – 100 Greatest Album)

FREEDOM: IMPROVISED SUITES FOR A TRIO – Rosario Di Rosa trio, Abeat records, Milano 2008 COMPILATION – AAVV Jazz Magazine 50, 2007

UNQUIET SERENADE – Carlo Nicita Rosario Di Rosa sextet, Abeat records, Milano 2006 (DISQUE DU MOIS – JAZZ MAGAZINE France)

JAZZ DIMENSIONE GIOVANI – AAVV DDQ records, Milano 2005
ANTOLOGIA NUORO JAZZ 2000-2004 – AAVV Ente Musicale di Nuoro, Nuoro 2005
VOICES – Carlo Nicita Rosario Di Rosa special guest G. Falzone, Splasch records, Milano 2004

contact

Rosario Di Rosa

via A. Motta, 19 – 20060 Gessate (MI)

cell > 338.9994160
mail > rosariodirosa@yahoo.it web > http://rosariodirosa.com

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (L.675/96)

Seguimi sui social

Corsi tenuti